Finanziamenti Personali
Header
Finanziamenti Personali
Header

Prestiti personali per i lavoratori autonomi

gennaio 13th, 2013 | Posted by Alessandro Clemente in Finanziamenti Personali

In tempi di accentuate e diffuse difficoltà economiche esistono categorie che più di altre faticano a far quadrare i conti, una di queste è quella dei lavoratori autonomi (artigiani, liberi professionisti ecc.). Per ovviare a questo problema essi dispongono di strumenti come ad esempio il prestito personale, i cui punti di forza sono la velocità dell’erogazione e la relativa facilità di accesso per chi possiede determinati requisiti, tuttavia spesso i tassi di finanziamento di questa operazione risultano alti.

Legge 488 finanziamenti agli artigiani e ai lavoratori autonomi

Un’alternativa e rilevante opportunità di finanziamento a fondo perduto è data, agli artigiani e ai lavoratori autonomi in genere, dalla legge 488 che consente di finanziare un investimento dall’importo minimo di 52.000 euro ad un massimo di 1.549.370 euro.

Prestiti personali Lavoratori autonomi

Prestiti per Lavoratori Autonomi

Requisiti richiesti per l’erogazione

imprese che:

- siano iscritte all’albo degli artigiani e il cui capitale proprio non sia coperto da altre agevolazioni;

- svolgano attività estrattive, di costruzione o manifatturiere, con i seguenti parametri dimensionali:

a) per la piccola impresa: numero di dipendenti minore o uguale a 50 e fatturato non superiore a 7 milioni di euro oppure totale attivo dello Stato Patrimoniale minore di 5 milioni di euro.

b) per la media impresa: numero di dipendenti non superiore a 250 e fatturato annuo minore o uguale a 40 milioni di euro o attivo dello Stato Patrimoniale inferiore ai 27 milioni di euro.

- abbiano sede nelle aree indicate dagli obbiettivi I e II della C.E.E., ossia alcune regioni del sud e del centro Italia;

- siano indipendenti, ossia quelle il cui capitale o i diritti di voto non siano detenuti per il 25% da imprese di dimensioni superiori.

Tipologie di investimento finanziabili

- realizzazione di un nuovo impianto;

- aumento della capacità produttiva e occupazionale;

- ammodernamento, riconversione o riattivazione dei cicli produttivi;

- riorganizzazione o trasferimento delle unità produttive.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 You can leave a response, or trackback.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>